POLISPORTIVA S.M.S. SAN QUIRICO

GRUPPO TREKKING "ECO 88"
Via Pisana 576 - 50143 FIRENZE
WEB:  www.eco88.it , e-mail info@eco88.it




ANELLO DI

CANTAGRILLO -
 MONTEPIANO


Domenica 18 novembre 2018


PROGRAMMA: Semplice escursione sul Montalbano pistoiese che ci porterà a vedere l’antico borgo di Vinacciano che si affermò come borgo rurale fortificato grazie al notevole interesse strategico della sua felice posizione. Entrato a far parte del distretto comunale di Pistoia, Vinacciano ne seguì le vicende politiche e militari subendo, ai primi del Trecento, come altri castelli della Valdinievole, prima l’assedio di Uguccione della Faggiola, poi quella di Castruccio Castracani.

In seguito fu inoltre teatro di violenti scontri fra le famiglie pistoiesi dei Cancellieri, che avevano qui una loro roccaforte, e dei Panciatichi, che diedero alle fiamme il borgo nel 1501.

L'abitato mantiene intatte la tipologia urbanistica del castello e quella architettonica dei principali edifici, con aspetto e decorazioni in gran parte ancora originali.Sempre nel borgo possiamo vedere la Chiesa dei SS. Marcello e Lucia di Vinacciano

L'edificio, affacciato sulla raccolta piazzetta, nella sua forma attuale risale ai secoli XVI e XVII. L'interno conserva arredi sei-settecenteschi, tra i quali un raffinato fonte battesimale in marmo, anche se l'opera di maggior pregio è un dipinto raffigurante la Madonna in trono con il Bambino, San Bartolomeo, San Marcello papa e San Giovannino, attribuito al pistoiese Leonardo Malatesta per le analogie con la tavola di Casalguidi. Di particolare interesse è anche il dipinto posto sopra l'altare maggiore: "Santa Lucia con San'Antonio Abate e San Luigi Gonzaga"; realizzato da un ignoto artista toscano raffigura un'insolita Santa Lucia che rievoca, nella figura, le opere di Giordano e Gemignani (non visitabile).

Ritrovo: ore 8:05 Uci via Del Cavallaccio già colazionati

Partenza: ore 8.15

PERCORSO IN AUTO: prenderemo l’autostrada Firenze Mare per raggiungere l’uscita di Pistoia.
Da qui si prende per Pistoia est e ci compattiamo presso benzinaio IP sulla destra. All’ovonda seguiamo le indicazioni Empoli, dopo sottopasso occorre superare autostrada e altri torrenti, a destra per Ponte Stella e quindi Cantagrillo indicazioni piscine dove parcheggeremo.

PERCORSO PIEDI: Iniziamo la parte ad anello dell'it. 17: ci si imbatte quasi subito in un bivio e si imbocca un sentiero sulla destra. In corrispondenza di una curva del torrente, dobbiamo guadarlo, quindi prendiamo una sterrata sulla sinistra e saliamo tra i campi ed un bosco. Prendiamo la sterrata che curva a destra, e al bivio prendiamo un sentiero e poi una mulattiera; saliamo fino a villa Bozzi (m 164) dove incrociamo una stradella e poi una mulattiera a fondo naturale che sale fino ad arrivare all'antico borgo di Vinacciano (m 264). Al bivio successivo si gira a sinistra fino ad una radura dove una deviazione a sinistra porta al Convento di Santa Maria delle Grazie a Vinacciano Questo piccolo convento, oggi fatiscente, fu eretto nella metà del XV secolo (1468 circa) dai Padri Domenicani di Pistoia, e consiste in un oratorio affiancato da un'abitazione ad un solo piano e aggraziato da un semplice loggiato antistante, a otto arcate su colonne in pietra, con capitelli del XV secolo. Pregevole immagine ad affresco venerata fin dall'antichità (fine XV, inizi XVI secolo) raffigurante "Maria in piedi, a mani giunte e manto aperto, con due Santi domenicani inginocchiati", tuttora all'altare. L'interno, gravemente degradato, è ad aula unica con volta a botte e pareti scandite da lesene.
Lasciato il sentiero da cui provenivamo, si sale nel bosco dove incrociamo l'it. 00 di crinale, lo prendiamo e arriviamo a C. Ronconi (m 433), giriamo a destra fino a giungere su uno stradello. Poco prima di raggiungere C.Montirici (m 271), senza arrivare all'incrocio con la strada asfaltata, curviamo a gomito sulla sinistra e scendiamo per una stradella cementata all'inizio. Ad un bivio, si mantiene la strada principale e superata una deviazione a sinistra e due a destra, si continua a scendere nel bosco. La sterrata scende fino al bivio dove si chiude l'it. 17.

Difficoltà e durATA: Dislivello 400 metri circa, difficoltà media, tempo 5 ore circa più le soste.

Attrezzatura consigliata: pranzo a sacco, acqua, scarponi da trekking, indumenti contro eventuale pioggia, bastoncini.

N.B. In caso di pioggia o previsioni negative l’escursione non sarà effettuata, comunque consultare il sito il sabato precedente.

Nessuna responsabilità a carico dei promotori: l’escursione è effettuata a titolo personale e sotto la completa responsabilità dei singoli partecipanti.

La partecipazione è riservata ai soci affiliati FIE.

Per informazioni rivolgersi a Giovanni 3391046298 o Nadia 3478828126 (orario cena)