Gruppo Trekking ECO 88 Firenze
.
C/O Circolo A.R.C.I. San Quirico" Via  Pisana 576

        Tel. 055- 73 210 35   Firenze
WEB:  www.eco88.it , e-mail info@eco88.it


anello di scalvaia

Domenica 21 maggio 2017


programma

Il percorso per buona parte si snoda su strade campestri e su sentieri. Dal borgo di Scalvaia, ad una quindicina di km da Monticiano, si raggiunge il torrente Farma, in particolare il tratto di fronte ad un rudere di una antica ferriera di epoca medioevale, alla sua diga e a un tratto di circa 150m dello stesso Farma caratterizzato da un meraviglioso alternarsi di cascate e tomboli conosciuto con il nome di “Canaloni”. Le rocce, che costituiscono i canaloni, sono tra le più antiche (circa 350 milioni di anni!) della Toscana e conosciute con il nome di Formazione di Poggio al Carpino, nome del Poggio subito a nord. Caratteristici sono i filoni di quarzo bianco che riempiono le fratture della roccia, che variamente piegati e deformati formano disegni molto suggestivi. Chiuderemo l’anello tornando a Scalvaia. Se ne abbiamo voglia, potremo visitare il parco Ciulli a Monticiano (moderne installazioni artistiche in vari materiali diffuse in un ambiente collinare) in località Casa ai Venti

Ritrovo: Ore 8,30 presso il parcheggio del campo sportivo del Galluzzo

Partenza: ore 8,45 già colazionati

PERCORSO IN AUTO: raccordo autostradale Firenze-Siena, si esce a Colle Val d’Elsa sud e si imbocca la S.P.541 traversa maremmana direzione Follonica- Grosseto, poi la ss73 direzione Monticiano, si supera il paese di Monticiano e dopo una quindicina di Km, bivio a destra per Scalvaia. Prima del borgo si parcheggia.

Sono circa 97 Km per 1,30 h.

Percorso a piedi Prima di entrare nel borgo di Scalvaia, di fronte al cimitero si imbocca un'evidente sterrata a sx. La strada continua con leggeri saliscendi, si supera un grande slargo (cartello "Croce a Consoli") e si prosegue per altri 200m circa, fino a trovare un nuovo bivio segnalato da un cartello "Ferriera". Il bivio a dx è sbarrato da un cancello con catena. Si passa lateralmente e si scende sull'ottima strada sterro in un susseguirsi di tornanti. Si raggiunge dopo una serie di tornanti il Fiume Farma fino ai suggestivi resti della Ferriera, la cui diga crea un bel tombolo. Da qui il sentiero prosegue risalendo sulla sx orografica del fiume. Qui occorre particolare attenzione perché il taglio in atto del bosco ha lasciato molta ramaglia in giro. Una deviazione a sx, indicata da un doppio segno biancorosso, porta dopo circa 100 m ai "Canaloni, un tratto di circa 150m di fiume caratterizzato da un meraviglioso alternarsi di cascate e tomboli. Su queste rocce ci fermeremo per una lunga sosta pranzo e bagni di sole, chi ha coraggio bagno! Si rientra nel sentiero originario e si prosegue sempre costeggiando il fiume. Superata l'ansa, il sentiero si allontana progressivamente dal fiume, raggiunge uno slargo delimitato da piante di noccioli, e termina lasciando il posto ad una strada sterrata. Si segue la strada stando sempre in pianura tralasciando stradelli e sentieri a dx verso il bosco e a sx verso i campi. Dopo circa 1 km di strada e poco dopo un bello scorcio sul paese di Torniella, si prende un sentiero, molto nascosto, che sale a dx sovrapponendosi per pochi metri all'alveo di un fosso. Si sale decisamente dentro ad un bosco di querce lungo il sentiero dal fondo molto dissestato. Si prosegue sul sentiero sempre in salita. Il bosco è misto con alberi di querce, castagni, lecci, corbezzoli ed erica e pini, nettamente prevalenti sugli altri alberi. Si raggiunge una piccola radura (450 m s.l.m.) dove il sentiero diventa una strada di bosco che, dopo circa 400 m raggiunge, attraversando un castagneto il borgo di Scalvaia, sul lato destro della chiesa di San Biagio (XIII sec.).

Difficoltà e durata: Dislivello 300 circa metri (gli ultimi 200 circa in continua salita), difficoltà media, 5 ore circa più le soste.

Attrezzatura consigliata: pranzo a sacco, acqua, scarponi da trekking, indumenti contro eventuale pioggia, bastoncini.

N.B. In caso di pioggia o previsioni negative l’escursione non sarà effettuata; comunque consultare il sito il sabato precedente.

Nessuna responsabilità a carico dei promotori: l’escursione è effettuata a titolo personale e sotto la completa responsabilità dei singoli partecipanti.

La partecipazione è riservata agli affiliati FIE. E’ possibile iscriversi alla FIE anche la mattina della passeggiata (costo tessera 20 euro)

Per informazioni rivolgersi a Giovanni 3391046298 o Nadia 3478828126 (orario cena)